Comitato promotore per una campagna di adesioni individuali al Partito della Sinistra Europea

In marcia anche oggi per salvare le nostre vite

Mezzo secolo dopo le rivolte di Stonewall nel Greenwich Village a New York City, i passi indietro dei governi neoliberali e di estrema destra all’interno dell’UE minacciano di abolire i diritti e l’uguaglianza che la comunità LGBTQI+ ha lottato per garantire.

Non tutti i governi europei applicano o garantiscono dignità e uguaglianza di diritti per i loro cittadini LGBTQI+, dall’educazione sessuale completa nei programmi scolastici all’uguaglianza del matrimonio LGBTQI+. Tutto questo, in violazione delle convenzioni e delle leggi europee: l’UE guarda distrattamente e agisce con una debole posizione politica mentre gli stati membri implementano le cosiddette “zone libere dall’ideologia LGBTQI+”, quando dovrebbero essere giudicati per la persecuzione di persone basate sul loro orientamento sessuale o identità di genere e per favorire la crescita e la coltivazione di discorsi di odio.

Nelle attuali circostanze pandemiche e con la maggioranza dell’Europa dominata dal conservatorismo, notiamo come le crisi colpiscano sempre le comunità socialmente più vulnerabili: Le persone LGBTQI+, specialmente le persone trans e non binarie, le persone in condizioni di vita precarie, compresi i senzatetto, le persone razzializzate, i migranti, i rifugiati, i lavoratori del sesso, i rom, le donne, in particolare le donne trans (e tutti coloro che appartengono a diversi di questi gruppi), esacerbando un insieme di disuguaglianze sociali già esistenti.

La protezione delle comunità emarginate dalla violenza fisica e psicologica deve essere tra le nostre priorità: abbiamo bisogno di migliori servizi di supporto psicologico, specializzati sulle questioni LGBTQI+, e di rifugi per i membri abusati o senza casa della comunità – un alloggio decente deve considerare le questioni legate all’orientamento sessuale o all’identità di genere. Abbiamo anche bisogno di protezione dai licenziamenti e dai cali di reddito per i lavoratori LGBTQI+.

Inoltre, chiediamo una formazione adeguata e completa sui temi LGBTQI+ per coloro che insegnano. Incoraggiando l’inclusione dell’educazione sessuale raggiungeremo un ambiente di comprensione e accettazione della diversità umana, in termini di caratteristiche sessuali, sessualità, identità ed espressione di genere tra le giovani generazioni. A questo proposito, le leggi attuali (ovunque nel mondo) che mirano a vietare l’educazione sessuale nelle scuole dovrebbero essere abrogate.

Nella sanità, chiediamo l’accesso e un’adeguata assistenza medica, libera da pregiudizi e discriminazioni, in modo che le persone trans possano beneficiare dell’assistenza chirurgica, clinica e psicologica necessaria al loro benessere. Chiediamo anche una migliore formazione per i professionisti della medicina, dell’infermieristica e dei servizi amministrativi per soddisfare meglio le nostre esigenze nel campo della salute riproduttiva, sessuale e mentale. Chiediamo che le cosiddette “terapie di conversione” siano criminalizzate. Chiediamo un linguaggio sanitario inclusivo, che vada oltre e al di fuori dell’arcaica idea binaria di genere.

Abbiamo visto chiaramente le conseguenze della privatizzazione dello sviluppo scientifico in termini di salute, in cui le vite sono tenute in ostaggio dai brevetti farmaceutici in un sistema capitalista che ancora una volta detta quali vite contano. Gli ostacoli che i brevetti privati e i diritti di proprietà intellettuale hanno posto alla produzione di antiretrovirali contro l’HIV si vedono ancora oggi con i vaccini contro il COVID-19. Questo è assolutamente inaccettabile: non ci dovrebbe essere “nessun profitto sulla pandemia”, e i brevetti sui vaccini dovrebbero essere revocati.

Oggi è importante celebrare il diritto di essere liberi dai pregiudizi e di essere noi stessi, mentre marciamo di nuovo per le strade per difendere le nostre vite e costruire alleanze con altre lotte – antirazziste, anticapitaliste e femministe.

Ci alziamo con fermezza non solo per preservare ciò che è stato conquistato, ma anche per lottare per gli anziani LGBTQ e per le generazioni a venire, per vivere e prosperare liberi da pregiudizi e persecuzioni.

La nostra bandiera non è un’immagine di marca per vendere di più, né un mezzo per mascherare l’ipocrisia. Non torneremo nell’armadio, siamo qui per restare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *