Comitato promotore per una campagna di adesioni individuali al Partito della Sinistra Europea

Heinz Bierbaum su dramma Afghanistan: corridoi per garantire l’asilo a chi vuole lasciare il Paese, difesa della dignità del popolo afgano

Crisi umanitaria, corridoi per garantire l’asilo a chi vuole lasciare il Paese, difesa della dignità del popolo afgano: questi i cardini delle richieste contenute in una Dichiarazione di Heinz Bierbaum, Presidente del Partito della Sinistra Europea. Bierbaum non manca però di denunciare le cause del dramma afgano: “Oggi, infatti, non possiamo che indignarci per la dichiarazione dell’Amministrazione americana e del Presidente Joe Biden che giustifica il ritiro menzionando interessi americani  in Afghanistan. Non ci sono dubbi sul ruolo degli Stati Uniti in questa crisi, così come non ci sono dubbi sul fatto che il concetto di guerra umanitaria sia solo una ignobile bugia”. “Saremo fermamente al fianco della popolazione afgana contro il fallimento della politica della NATO e dell’intervento militare degli Stati Uniti lungo quattro decenni”.

La protezione dei richiedenti asilo che fuggono dall’Afghanistan deve avere la massima priorità- E’ quanto chiedono, in una Dichiarazione del 17 agosto 2021, i due Copresidenti del nostro eurogruppo La Sinistra-GUE/NGL, Manon Aubry e Martin Schirdewan, rivolgendosi ai Ministri degli Esteri dell’UE riuniti lo stesso giorno sulla questione afgana. La Dichiarazione si conclude ricordando che “la Sinistra al Parlamento Europeo si è opposta fin dall’inizio a questa irresponsabile guerra in Afghanistan. L’intervento militare era sbagliato e il ritiro è stato scomposto. La popolazione civile afgana è dunque doppiamente vittima della guerra”.

(Per approfondire la posizione del nostro eurogruppo vedi la rubrica Notizie dal Parlamento europeo di Transform Italia:: https://transform-italia.it/afghanistan-linessenzialita-delleuropa-riflessa-nel-parlamento-europeo/)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *