Il grande Business sta mettendo a repentaglio la transizione energetica

La recente impennata dei prezzi dell’energia ha riportato la questione in cima all’agenda politica e dei media. I governi europei e la Commissione si sono affrettati a offrire soluzioni a breve termine. Ma queste non saranno sufficienti per rispondere alle sfide che stiamo affrontando. Un’intervista con Lavinia Steinfort, ricercatrice del Transnational Institute, spiega perché.

“Il cambiamento climatico è il più grande fallimento del mercato”. Lavinia Steinfort, ricercatrice del Transnational Institute (TNI), riassume con questa frase la questione chiave del momento. Il sistema neoliberale basato sul mercato non solo crea e amplia profonde ingiustizie, ma è anche inefficace per affrontare le sfide del nostro tempo. È sotto gli occhi di tutti, e l’aumento dei prezzi dell’energia è solo l’ultimo sconcertante esempio.

TNI è un istituto internazionale di ricerca e advocacy che lavora sull’energia e sul clima da molti anni, criticando l’approccio del mercato e chiedendo la proprietà pubblica e la democratizzazione come soluzione alla crisi climatica. Steinfort è una geografa politica e un’attivista. Come ricercatrice del TNI, sta lavorando su alternative pubbliche come la (ri)municipalizzazione dei servizi pubblici, una giusta transizione verso la democrazia energetica e la trasformazione della finanza per il 99%.

L’abbiamo incontrata per discutere dell’attuale picco dei prezzi dell’energia e delle distorsioni del mercato.

I prezzi dell’energia stanno raggiungendo livelli record in tutta Europa e nel mondo. Perché sta succedendo questo?

Per una serie di ragioni. Parte della spiegazione è che anche i metodi per scavare i combustibili fossili stanno diventando sempre più estrattivi, quindi oggi c’è bisogno di molta più energia per continuare ad estrarre petrolio e gas e trasformarli in carburante ed energia. Inoltre, la crisi climatica sta portando a estati più calde e inverni più freddi, questo sta aumentando l’uso interno di energia e quindi meno energia disponibile per l’esportazione.

Ci sono anche posizioni contrastanti che cercano di dare un senso a questo aumento dei prezzi. Per esempio, molti sostengono che l’impennata dei prezzi potrebbe essere una buona cosa perché ci costringe a pensare e ad agire in termini di efficienza energetica. Penso che a questo argomento manchi molto il quadro generale.

Che sarebbe?

Il mercato dell’energia è guidato dal profitto. Il passato ha dimostrato che più abbiamo liberalizzato il mercato e cercato di incoraggiare la concorrenza, più questo ha portato alla concentrazione del potere. Se non cambiamo il sistema, le soluzioni proposte finora – anche il tanto chiacchierato “obiettivo zero netto” – stanno semplicemente rafforzando l’energia come un bene mercificato, se non completamente privatizzato. Con il modello attuale, la transizione energetica dipende dai meccanismi dei prezzi e dai profitti del mercato liberalizzato. All’interno di questo quadro, i profitti dipendono dai sussidi pubblici, quindi nel momento in cui il denaro pubblico smette di fluire alle società private, queste smettono di investire, con un conseguente massiccio deficit di investimenti per il settore. Questo accade perché i governi spendono soldi per attirare gli investimenti privati e non per costruirsi un settore energetico sostenibile. Questo non avrebbe bisogno di accadere in un modello energetico completamente pubblico, perché allora ogni entrata potrebbe essere reinvestita nella transizione energetica per garantire la giustizia e l’urgenza. Allo stesso modo, i prezzi volatili non si verificherebbero se avessimo un sistema democratico e basato sul bisogno che tratta l’energia non come una merce competitiva ma come un diritto e una responsabilità.

Tuttavia, qualcuno beneficia di questo sistema…

Grazie alla liberalizzazione del mercato, il settore energetico in Europa è diventato un oligopolio, dominato da cinque grandi produttori di energia che schiaccia i piccoli produttori cooperativi e le esperienze di municipalizzazione, dove le città iniziano a fornire energia ai cittadini. Ma finché la concorrenza e i prezzi vantaggiosi saranno decisivi per l’azione sul clima, una transizione a tutti gli effetti rimarrà una chimera. I mercati e i loro protagonisti privati semplicemente non possono realizzare una transizione energetica.

Quindi il mercato non è solo ingiusto, ma anche inefficace?

Gli investitori privati sono entusiasti di investire nel settore energetico quando i loro profitti – a volte nell’ordine del 30% – 50% – sono garantiti dal pubblico. La gente può pensare che questo sia necessario, ma questi accordi con le grandi imprese (noti come Public Purchasing Agreement o PPA) stanno in realtà minando la transizione climatica. Tuttavia, una recente ricerca del TNI rivela ad esempio che Vattenfall Netherlands, una filiale della multinazionale svedese dell’energia, ha ricevuto più di mezzo miliardo in sussidi dal governo tra il 2015 e il 2020. Mentre questo ha portato centinaia di milioni di profitti all’azienda, la sua produzione di energia rinnovabile nei Paesi Bassi si è quasi dimezzata nello stesso periodo. Questo è scandaloso: stiamo solo pompando fondi pubblici che permettono un eccesso di profitto, mettendo in pericolo la transizione.

Come possiamo uscire da questa situazione?

Dobbiamo cambiare rotta. Per avere un’effettiva transizione verso un modello di energia rinnovabile in un modo che onori il diritto all’energia e un clima vivibile per tutte le specie, dobbiamo recuperare i nostri sistemi energetici dal mercato. Dobbiamo fare in modo che i lavoratori e i residenti, specialmente quelli che sono più oppressi da questo sistema – anche a causa delle divisioni razziali, di genere e di classe del lavoro – siano quelli che arrivano a co-determinare la politica climatica ed energetica. Questo tipo di democratizzazione potrebbe affrontare la povertà energetica alla radice e costringere i paesi ricchi e le élite a ridurre radicalmente il loro uso di energia, perché una volta che il grande business viene messo da parte e il potere equamente distribuito, la società potrebbe essere gestita con molta meno energia.

E come possiamo farlo?

Per iniziare, penso che questo richieda la chiusura del mercato all’ingrosso e al dettaglio, l’interruzione dei grandi accordi di acquisto di energia e la nazionalizzazione e municipalizzazione delle aziende energetiche private. Una volta fatto questo, possiamo effettivamente iniziare a sviluppare modelli di proprietà pubblica sia integrati che decentralizzati per consentire la pianificazione partecipativa, la governance democratica e la co-creazione da parte delle comunità.

Le proposte della Commissione vanno in questa direzione?

No. La recente cassetta degli attrezzi della Commissione europea fornisce solo dei cerotti che sono molto al di sotto di una soluzione strutturale alla volatilità dei prezzi causata da un mercato liberalizzato. Per una risposta adeguata, la Commissione dovrebbe controllare il potere delle corporazioni e capire realmente che il modello energetico e la sua transizione verso le rinnovabili sono un compito pubblico.

Quali sono le richieste di TNI per affrontare queste sfide?

Una transizione verso il 100% di energia rinnovabile e l’avanzamento dell’energia come un diritto fondamentale e un bene pubblico dovrebbero essere intesi come due facce della stessa medaglia. Purtroppo, chi è al potere vede ancora queste due cose in conflitto tra loro. Parallelamente, abbiamo bisogno di sviluppare un approccio di beni pubblici globali: per ammettere la propria storia di saccheggio e colonizzazione, il cosiddetto Nord globale dovrebbe essere il primo a tagliare il suo uso di energia sporca, dannosa e non essenziale, abolire i diritti di proprietà intellettuale per assicurarsi che le tecnologie rinnovabili e di conservazione siano comunemente disponibili e, infine, pagare risarcimenti climatici ai paesi e alle comunità del Sud globale in modo che possano modellare sistemi di approvvigionamento democratici alle loro condizioni.

Traduzione dell’articolo pubblicato al seguente indirizzo: https://left.eu/big-business-is-jeopardising-the-energy-transition/

È nato il comitato “Europa a Sinistra!” per una campagna di adesioni individuali al Partito della Sinistra Europea in Italia. Iscrivendoti ad “Europa a Sinistra!” dai forza alla Sinistra Europea in Italia

Il modulo per l’iscrizione lo trovi qui: https://www.europeleft.it/modulo-di-adesione/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.